Arqueología de la Arquitectura, No 1 (2002)

Mentalità stratigrafica e progetti per la conoscenza e per la conservazione


https://doi.org/10.3989/arq.arqt.2002.11

Gianfranco Pertot
Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, Italia

Gian Paolo Treccani
Università di Brescia, Facoltà di Ingegneria, Italia

Resumen


Gli autori presentano i risultati più significativi di una ricerca svolta presso le Università di Milano e di Brescia, nell’ambito dei corsi di Restauro architettonico. Fra i principali obiettivi dello studio e delle esperienze didattiche correlate vi è il tentativo non solo di utilizzare le procedure dell’archeologia stratigrafica, per quanto utile e possibile, nella complessa serie di operazioni che segna la redazione di un progetto di conservazione e di riuso, ma di trasferirvi anche quella che si può definire come “mentalità stratigrafica”. In particolare considerando nuovi codici, quali le Interfacce di Fase e le Unità Stratigrafiche Associate. A corredo di queste argomentazioni vengono anche svolte alcune considerazioni in merito al cosiddetto “Restauro archeologico”

Palabras clave


Restauro Architettonico; Mentalità stratigrafica

Texto completo:


PDF


Copyright (c) 2002 Consejo Superior de Investigaciones Científicas (CSIC) - Universidad del País Vasco / Euskal Herriko Unibertsitatea

Licencia de Creative Commons
Esta obra está bajo una licencia de Creative Commons Reconocimiento 4.0 Internacional.


Contacte con la revista: cchs_arqueol_arquit@cchs.csic.es

Soporte técnico: soporte.tecnico.revistas@csic.es