Arqueología de la Arquitectura, No 13 (2016)

Ubicazione delle cave di pietra da calce utilizzata come materia prima degli intonaci romani nella Lombardia occidentale


https://doi.org/10.3989/arq.arqt.2016.167

Roberto Bugini
CNR - Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali, Italia

Luisa Folli
CNR - Istituto per la Conservazione e la Valorizzazione dei Beni Culturali, Italia

Resumen


[it] La calce come materiale da costruzione ebbe larga diffusione nell’architettura romana della Lombardia occidentale. La presenza di carbonato di magnesio è stata per lo più riscontrata negli intonaci dipinti provenienti dai siti romani di Milano. Il carbonato di magnesio testimonia l’impiego di dolomia per la preparazione della calce e rocce di questa composizione affiorano per esteso nelle Prealpi lombarde: dolomie e calcari dolomitici grigio chiari (Dolomia del Salvatore, Ladinico-Anisico), dolomie grigie, talvolta con ciclotemi (Dolomia principale, Norico). Non sono conservate evidenze di cave o di forni romani in quest’area prealpina: i Romani sfruttarono gli stessi affioramenti dolomitici, situati lungo la sponda orientale del lago Maggiore, affioramenti da cui si produsse calce a partire dal Medio Evo in avanti.
I depositi fluvio-glaciali del medio corso del fiume Adda tra Brivio e Trezzo (massi, ciottoli di calcari marnosi, calcari e dolomie che affiorano nel bacino fluviale) furono un’altra fonte medievale e moderna di materia prima, soprattutto per produrre una calce debolmente idraulica (chiamata “calce forte”), ma questo tipo di calce è assente negli intonaci romani.

Palabras clave


calce; calce magnesiaca; dolomia; intonaco romano; Lombardia

Texto completo:


HTML PDF XML

Referencias


Alberti, L.B. 1989: De re aedificatoria. Trad. Orlandi, Milano. Atzeni, C., Massidda, L., Sanna, U. 1996: "Magnesian lime – Experimental contribution to interpreting historical data", Science and Technology for Cultural Heritage, 5 (2), 29-36.

Barbaro, D. 1567: I dieci libri dell'Architettura di M. Vitruvio (…), Venezia.

Breislak, S. 1822: Descrizione geologica della provincia di Milano, Milano.

Brusa, M., Mamoli, M. 1994: "Le calci delle Prealpi varesine - cave, flussi commerciali, modi di utilizzo", Politecnico di Milano e Centro CNR "Gino Bozza" - Tesi di laurea in Architettura.

Bugini, R., Folli. L., Lommano, A. 1996: "Plaster technologies in Northern Italy from 12th to 19th century", J. Riederer (ed.), Proceedings 8th International Congress on Deterioration and Conservation of Stone, Berlin, 1495-1504.

Bugini, R., Folli. L. 2013: "Critères pour la comparaison des enduits peints romains de la Lombardie", Archéosciences 37, 41-50. https://doi.org/10.4000/archeosciences.3973

Bugini, R., Folli, L. 2014: "Le cave romane in Lombardia", J. Bonetto, S. Camporeale, A. Pizzo (eds.), Actas Congreso Arqueología de la construcción IV - Las canteras en el mundo antiguo, Anejos de AEspA LXIX, Mérida, 179-188.

Carta Geologica d'Italia: Foglio 097 Vimercate, ISPRA, Roma.

Cavalieri San Bertolo, N. 1831: Istituzioni di architettura statica e idraulica, Fratelli Negretti, Mantova.

Curioni. G. 1877: Geologia - Parte seconda. Descrizione ragionata delle sostanze estrattive utili, metalliche e terre, raccolte nelle Provincie lombarde,

Diekamp, A., Konzett, J., Wertl, W., Tessadri. R., Mirwald, P. W. 2008: "Dolomitic lime mortar. A commonly used building material for medieval building in Western Austria and Northern Italy", J.W. ?ukaszewicz, P. Niemcewicz (eds.) Proceedings 11th International Congress on Deterioration and Conservation fo Stone, Torun, 597-604.

Fieni, L. 2000: Calci lombarde - Produzione e mercati dal 1641 al 1805, All'Insegna del Giglio, Firenze.

Jagnaux, R. 1885: Traité de minéralogie appliquée aux arts, à l'industrie, au commerce..., Octave Doin éditeur, Paris.

Klemm, W. A. 1989: "Cementitious materials: historical notes", Material Sciences of Concrete, 1, 1-29.

Montagni, C. 1988: "La antiche fornaci liguri", G. Biscontin, E Vassallo, S. Volpin (eds.) Atti Convegno Scienza e Beni Culturali, Bressanone - Padova, 143a-153a Mills, A. P. 1915: Materials of Construction, John Wiley, New York.

Palladio, A. 1570: I quattro libri dell'architettura. Venezia.

Palladius 1843: De re rustica. Trad. Cabaret-Dupaty, Paris.

Plinius 1962: Naturalis Historia. Trad. Heichholz, London.

Scamozzi V. 1615: L'idea dell'architettura universale, Venezia.

Schork, J. 2012: "Dolomitic lime in the US - History, Development and Physical Characteristics", Journal of Architectural Conservation, 18, 3, 7-25. https://doi.org/10.1080/13556207.2012.10785116

Seeley, N. 2000: "Magnesian and dolomitic lime mortars in bulding conservation", Journal of Architectural Conservation, 6, 2, 21-29. https://doi.org/10.1080/13556207.2000.10785267

Sidonio Apollinare 1936: Epistularum libri X. Trad. da Anderson, London.

Strabone 1833: Della geografia. Trad. Ambrosoli, Milano.




Copyright (c) 2016 Consejo Superior de Investigaciones Científicas (CSIC)

Licencia de Creative Commons
Esta obra está bajo una licencia de Creative Commons Reconocimiento 4.0 Internacional.


Contacte con la revista: cchs_arqueol_arquit@cchs.csic.es

Soporte técnico: soporte.tecnico.revistas@csic.es